Questo sito usa cookie (sia cookie tecnici sia cookie analitici e di profilazione di terze parti), per fornirti una migliore esperienza di navigazione e per fornire pubblicità personalizzata. Continuando a navigare, chiudendo questo banner ne accetti l'utilizzo; per negare il consenso si rinvia all’informativa estesa. Scopri di più
Chiudi
Italiano | English

Mercati emergenti: la stabilizzazione potrebbe essere più vicina

11/09/2018

BannerSliderDef2017.jpg

Disponibile online all'interno dell'Area Premium (area riservata agli ​operatori professionali) il​ video:​

  • ​​​Un caffè con… Davide Barattini (Portfolio Manager Azionario, Gruppo ANIMA): "Mercati emergenti: la stabilizzazione potrebbe essere più vicina"

    • Nel mese di agosto i mercati sono stati contraddistinti da fasi altalenanti.  In particolare, dopo diversi mesi di rafforzamento del dollaro, con un picco in concomitanza della crisi turca, si sta ora assistendo ad un certo indebolimento. Siamo forse di fronte alla fine del rally della valuta americana? E quali potrebbero essere gli effetti sui mercati emergenti?

    • I fattori di incertezza non mancano: a metà agosto la crisi turca, così come quella del Venezuela, hanno penalizzato i Paesi e le valute emergenti. Senza contare che se sembra raggiunto un accordo di massima sul commercio tra Usa e Messico. Invece i rapporti sui dazi con la Cina restano tesi. E ancora, il percorso ormai avviato di rialzo dei tassi della Fed. Quali sono quindi le prospettive per i mercati emergenti?

    • Come sono posizionati oggi i portafogli dei fondi azionari del Gruppo ANIMA che puntano sui mercati emergenti?


​Per accedere all'Area Premium clicc​a q​ui​​​​​​​​​​​​​